Se ami prenderti cura del tuo benessere saprai che ci sono cibi che danno energia (sottile), e altri che invece lavorano nel verso opposto, ovvero la diminuiscono o addirittura la sbilanciano in negativo.

Non ti sto parlando di energia in termini ‘calorici’, ovvero della quantità di calorie che un certo cibo trasmette al tuo corpo.

Quando parlo di cibi che danno energia mi riferisco alle Energie Sottili che, come già saprai, non sono riconosciute dalla scienza ufficiale ma sono considerate basilari nel nostro settore olistico.

Se anche tu ti interessi di olistico saprai quindi che i cibi che mangi possiedono tutti una particolare energia e vibrazione ed è molto importante che tu possa capire se ciò che stai mangiando ti sta effettivamente rafforzando dal punto di vista energetico.

La domanda che ti faccio oggi è questa: conosci l’energia (sottile) dei cibi che mangi?

Perché questa azione si riflette sul tuo stato di benessere complessivo: fisico, spirituale ed emozionale.

Per saperlo hai due modi a tua disposizione.

Due metodi per capire il livello energetico dei cibi

Il primo, (e purtroppo più seguito), è di affidarti a ciò che trovi scritto in giro, o di fidarti alla cieca di chi si proclama essere un esperto in materia.

Poco tempo fa mi sono imbattuto in un articolo che divideva l’energia dei cibi in base al colore e, ancora una volta, non ti sto parlando di calorie!

Nel post l’autore faceva riferimento al rosso come un colore fortemente energetico, quindi chi era un po’ giù di tono poteva affidarsi ai pomodori e ai frutti rossi, mentre chi stava ricercando serenità doveva mangiare un bel po’ di cibi bianchi, dal latte al cavolfiore.

No, non ci siamo.

In primo luogo perché una dieta deve essere sana e bilanciata dal punto di vista nutrizionale, ma questo è un altro argomento di cui io non mi occupo..  e poi perché, come spesso ti ho detto, affidarsi alle prime parole che trovi scritte in rete, seppur attraenti e facili da ‘digerire‘ non è la scelta giusta da mettere in campo.

Perché il problema è che ti stai affidando a parole scritte chissà dove, oppure a persone che non conosci fino in fondo e che potrebbero essere dei grandi venditori di fumo.

In più, come spesso ti ho spiegato, ogni situazione energetica è unica e personale, quindi non è detto che oggi, proprio oggi in questo particolare momento della tua vita, quel determinato cibo ti faccia energeticamente del bene.

Perché potrebbe essere non adatto, se non addirittura sbagliato, per il momento e la situazione che stai vivendo adesso.

Avrai già capito che è lungi da me consigliarti di seguire questa via. 🙂

Come capire quali sono i cibi che danno energia che fanno al caso tuo.

C’è un secondo modo per capire quali sono i cibi energeticamente positivi per te.

Si tratta di testare personalmente l’energia dei cibi che acquisti e che porti in tavola, per poter avere un responso personalizzato che è adatto solo ed esclusivamente alla tua persona (e non certo a 100mila persone diverse).

Per farlo nel modo più preciso possibile devi quindi apprendere un sistema di percezione delle energie sottili, e come sai il mio preferito è il Palming energetico.

Il Palming è la tecnica che ti permette di misurare le energie sottili con uno strumento che hai proprio lì, disponibile in ogni stante della tua vita, ovvero le tue mani.

Ti sto parlando di un’arte innata, che tutti possono risvegliare, di una pratica molto efficace, che ti permette di testare giorno per giorno l’effetto che i vari cibi hanno sul tuo sistema energetico.

Sì, hai letto bene, giorno per giorno e qui sta la chiave di una comprensione precisa, quanto per te benefica del livello energetico dei cibi che hai scelto di mettere nel tuo piatto.

Testare è la chiave

Perché non è detto che lo stesso cibo che mangi oggi sia energeticamente favorevole per te domani o fra un paio di giorni.

Per saperlo puoi usare il palming, semplicemente tenendo i cibi vicino a te e ‘sentendo’ l’energia con la tua mano quando li avvicini.

Avvertendo come cambia questa energia potrai indirizzare la tua scelta verso alimenti che ti sono energeticamente favorevoli in un certo periodo della tua vita.

Ora in base a quello che ti ho detto sopra starai pensando che non è bene fare una ‘spesa lunga’, ovvero fare scorta.

Perché grazie al palming puoi capire quale è il cibo più adatto a te oggi, ma domani il tuo bisogno energetico potrebbe cambiare.

Il mio consiglio è in questo caso ancor più specifico.

Amo mangiare bene e scegliere cibi di qualità, il che coincide con lo scegliere cibi il più possibile freschi e naturali.

Ti consiglio quindi di approvvigionarti dei freschi giorno per giorno o a breve scadenza, in modo da poterli misurare energeticamente in ‘real time’, ma anche di poter contare su alimenti che sanno mantenere il più possibile inalterate le loro caratteristiche nutritive.

Per i cibi confezionati il Palming ti può essere altrettanto utile, ma è preferibile che essi non diventino la parte più consistente dei tuoi pasti.

Ricorda che tutto ciò di cui abbiamo parlato non riguarda consigli alimentari, per i quali devi assolutamente rivolgerti al tuo medico di fiducia. Si tratta solo di indicazioni rispetto al tuo corpo energetico, all’energia sottile e alla vibrazione dei cibi che, come sai, non sono riconosciuti dalla scienza ufficiale.

Ecco che se anche tu desideri comprendere in modo preciso quale è l’energia dei cibi che mangi e che dai ai tuoi cari ti consiglio di iniziare ad allenare questa straordinaria tecnica di misurazione energetica.

Risvegliare il Palming

Vuoi scoprire anche tu il palming e iniziare a praticarlo?

Ho creato una raccolta essenziale di tutti i migliori esercizi per sviluppare la percezione delle Energie Sottili.

Puoi richiedere l’accesso alla guida gratuitamente da questo ==> LINK oppure cliccando sull’immagine qui di seguito:

Buono studio!

P.S. Il cibo è vita, prenditene cura.

Piaciuto l'articolo?

Condividilo con i tuoi amici su Facebook!