La cromoterapia è una disciplina che si avvale dell’uso dei colori per stimolare la persona a ritrovare equilibrio e benessere nel corpo e nello spirito.

Come sempre, è importante ricordare che anche questa disciplina non è riconosciuta dalla scienza ufficiale, ma approfondendo la nostra analisi, non ti sorprenderà sapere che anche la cromoterapia è una tecnica che si fonda sulle Energie Sottili.

Se mi segui da un po’ immagino tu sappia che le Energie Sottili sono intorno a noi e danno forma e vita a tutto l’universo, e questo aspetto coinvolge anche i colori.

I colori sono, in realtà, frequenze specifiche e come tali sono un modo di veicolare le Energie Sottili e ottenere un effetto energetico preciso.

Mi spiego meglio.

Cromoterapia ed Energie Sottili

Ogni colore corrisponde ad una determinata frequenza.

Ogni frequenza ha una particolare funzione energetica.

È quindi possibile utilizzare i colori per ottenere un riequilibrio energetico, oppure per stimolare ad esempio un chakra, o una particolare struttura sottile.

Studiando le Energie Sottili e il loro comportamento scoprirai che i cosiddetti colori “caldi” (diciamo dal rosso al giallo) sono tipici dei chakra “inferiori”, quelli cioè più legati e connessi con Madre Terra e il canale Tellurico.

Viceversa, i chakra superiori, che sono più connessi con il canale celeste, sono caratterizzati da colori più “freddi”, diciamo dal verde al viola.

Ma cosa significa che sono caratterizzati da questi colori? Ne ho parlato in un articolo dedicato a cui ti rimando per approfondire.

In questo articolo invece ci tengo a spiegare COME puoi utilizzare i colori per il beneficio dei tuoi chakra e del tuo corpo energetico.

La Cromoterapia per il Riequilibrio Energetico

Per capire al meglio come la cromoterapia può lavorare sul tuo riequilibrio energetico facciamo un esempio.

Diciamo che ti sei testato energeticamente e hai notato che il tuo chakra del Perineo (o chakra della Radice) è scarico.

Sappiamo, per averlo studiato su modelli avanzati, ma soprattutto per averlo VERIFICATO testando col Palming (che approfondiremo fra qualche riga), che il chakra del Perineo è caratterizzato soprattutto dal colore rosso

Questo significa che questo chakra è caratterizzato, nella maggior parte, da un certo tipo di frequenze che, alla vista di un chiaroveggente, appaiono di colore rosso.

E sì, la risposta alla domanda che immagino ti sarà nata spontanea è questa: anche se non sei un chiaroveggente, puoi testare con il Palming, uno ad uno, quali colori sono presenti in un certo chakra in quel momento.

Prima di spiegarti come anche tu puoi farlo vorrei approfondire l’esempio di cromoterapia.

Se grazie alla misurazione che hai fatto hai capito che il chakra del Perineo è scarico, puoi mettere in campo una strategia di base per stimolarlo e ricaricarlo.

Una delle più semplici e immediate è, ad esempio, fissare un cartoncino rosso per qualche minuto.

Oppure vestirti di rosso in quella giornata.

O quel che ti suggerisce la fantasia, perché sei libero di circondarti come più desideri di questo colore.

Questo è sicuramente un sistema basico, ma che funziona, perché ti permette di utilizzare i colori sul tuo corpo energetico, e questo è una forma semplice di cromoterapia.

Il modo classico, in cui la cromoterapia ti viene proposta nei centri benessere, è stare immersi in una stanza in cui le luci cambiano colore passando uno per uno i colori primari, in modo da ‘stimolare un po’ tutto’.

Ma dopo aver letto questo articolo, conosci già un metodo più avanzato per lavorare energeticamente coi colori.

Hai già capito che le soluzioni ‘buone per tutto‘, spesso non sono efficaci come ti aspetti.

Alla luce di questo, avrai anche intuito che i colori con cui ti vesti hanno un effetto sottile sul tuo campo energetico e questo è un aspetto molto interessante della cromoterapia.

Pensa che quando hai voglia di indossare un particolare colore, in realtà, è il tuo intuito sottile a suggerirtelo, a farti sapere che proprio in quel giorno hai bisogno di essere stimolato energeticamente da un certo colore.

Lo stesso vale per i colori da cui sei attratto durante la giornata e anche per il tuo colore preferito, perché possiamo fare lo stesso tipo di ragionamento, in questo caso adattato alla tua struttura energetica di base.

E ora parliamo dei limiti della cromoterapia.

Abbiamo visto come puoi lavorare, in modo pratico e veloce con la cromoterapia, ma è importante che tu sappia che questa disciplina ha anche dei limiti.

Si tratta di limiti soprattutto mentali, perché se utilizzi i colori “mentalmente” devi essere consapevole che ognuno di noi ha una raffigurazione diversa dello stesso colore:

Ad esempio il rosso a cui sto pensando in questo momento, non sarà mai “esattamente” lo stesso rosso a cui tu o un’altra persona state pensando.

Due rossi diversi, due effetti energetici diversi.

Di poco, ma diversi.

In secondo luogo, coi colori non puoi trasmutare le congestioni e, come sai, è fondamentale liberarsi da esse per ottenere un buon riequilibrio energetico

Coi colori puoi stimolare energeticamente, ma non puoi trasmutare.

Almeno non coi colori singoli.

Infine, se ad esempio decidi di fare una full immersion con tutti i colori, non è detto che ne trarrai beneficio, perché rischi di iper stimolare dei chakra che erano già molto carichi e, di conseguenza, di mantenere un eventuale disequilibrio energetico precedente.

Ecco che torniamo a quello che ti dicevo sopra: attenzione alle soluzioni generaliste, perché anche a me non dispiace trascorrere una giornata in un centro benessere per rilassarmi, ma per ottenere un buon riequilibrio energetico, preferisco affidarmi a tecniche specifiche e avanzate.

E anche in questo caso, il punto di partenza è sempre un buon sistema per misurare le Energie Sottili, senza il quale non puoi sapere ‘in che direzione andare’ nelle tue sedute energetiche, anche e soprattutto quando parliamo di cromoterapia.

Sai che il mio preferito è sempre il Palming Energetico, grazie al quale puoi percepire le Energie Sottili con le tue stesse mani.

Il Palming è una tecnica che puoi imparare in modo abbastanza veloce, sicuramente più veloce rispetto ad altre (come ad esempio la chiaroveggenza) e che puoi praticare in ogni luogo e in ogni momento.

Questo perché col Palming usi le tue mani, uno strumento che hai sempre con te e che ti permette di misurare le Energie Sottili con cura.

Per comprendere dove puoi agire, successivamente, con la tua tecnica preferita per effettuare un buon riequilibrio energetico.

Se ciò che desideri è iniziare a praticare il Palming Energetico, puoi farlo con la raccolta gratuita di esercizi che trovi nella Guida per imparare a percepire le energie sottili.

La Guida è semplice da consultare online, puoi farlo da computer, tablet o smartphone quando più preferisci e periodicamente ci aggiungo nuovi esercizi per renderla più completa.

Ti invito a consultare la Guida Gratuita cliccando su questo ==> LINK o sull’immagine che trovi qui sotto.


esercizi energie

Piaciuto l'articolo?

Condividilo con i tuoi amici su Facebook!