Già, l’energia delle mani...in molti hanno provato l’esperienza di sentirla e immagino possa essere successo anche a te.

Potresti avere avvertito una specie di formicolio, un calore, una sorta di venticello fresco o anche una pressione più o meno forte sui palmi delle mani.

Beh, come sai in questo blog parlo proprio di un aspetto correlato a questa esperienza: infatti, io mi occupo principalmente di insegnare il Palming, ovvero la capacità di percepire le Energie Sottili direttamente con le tue mani.

In altre parole, sei atterrato nel posto giusto.

In questo articolo, tuttavia, non voglio solo parlarti di come si percepisce l’energia con le mani, ma anche di come si emette e, soprattutto di come si fa a sentire le proprie mani che emanano energia.

Energia delle Mani: Iniziamo dall’Esperienza

La prima notizia sulla possibilità di sentire l’energia delle mani è questa: è vero, può assolutamente succedere.

Se ti è capitato di fare questa esperienza sappi che non c’è nulla di strano, anzi! È assolutamente normale che tu sia in grado di sentire l’energia delle mani, perché come ti spiego sempre, tutti noi abbiamo la capacità innata di percepire e manipolare le energie sottili secondo la nostra volontà.

Si tratta solo di praticare e allenarsi a farlo (dopo aver studiato un minimo di teoria), ma a questo ci arriviamo fra qualche riga.

Come si Manifesta l’Energia Dalle Mani

Hai presente quando ti capita di avere qualche fastidio, e in automatico ti viene spontaneo portarti una mano in quella zona?

Beh, avrai capito che a muovere le fila è il tuo intuito, la tua mente ancestrale, che in automatico prova a “portare energia” in quella zona che magari è energicamente scarica o congesta.

In altre parole, è un riflesso innato nella natura umana.

Questo aspetto lo dobbiamo però approfondire per bene e ci sono due punti che meritano la tua attenzione.

Il primo: dalle mani emettiamo principalmente due tipi di energia:

– un tipo di energia calda, rivitalizzante, stimolante che emettiamo dal palmo;

– un tipo di energia fredda, pulente, calmante dalla punta delle dita;

È importante che tu sappia distinguere questi due tipi di energia, in base all’utilizzo che ne vuoi fare.

Se ad esempio devi rivitalizzare un chakra, è meglio preferire la prima, quella calda e rivitalizzante.

Se invece il tuo scopo è ripulire una memoria energetico-emozionale, è preferibile usare la seconda, ovvero l’energia fredda, calmante e pulente.

Tutto questo in linea di principio, perché è altrettanto importante sapere in quali casi è bene utilizzare queste energie e in quali altri non lo è affatto.

E qui arriviamo ad un punto cruciale: l’energia delle mani può essere energia pura, ma anche congesta, in base al grado di pulizia dei nostri canali energetico sottili.

Quindi è sempre bene testare, per capire se siamo abbastanza puliti per poter fare un’emissione energetica oppure, nel caso in cui avvertissimo che c’è molta congestione, scegliere di evitare la tecnica oppure ripulirci prima di eseguirla.

In secondo luogo dobbiamo capire dove va indirizzata questa energia, perché attenzione, mica possiamo indirizzarla a caso!

Sì, so che c’è chi racconta che le energie “sono intelligenti” e “sanno dove andare“, ma se sei uno di quelli che lo pensa, mi dispiace deluderti, non è proprio così.

Le energie seguono il pensiero, buono o cattivo che sia.

In termini più semplici: sono le persone che dirigono le energie, perché se così non fosse, non esisterebbe (per esempio) il male nel mondo e ogni cosa sarebbe in perfetta armonia.

Purtroppo, sai quanto me che così non è, ma ora hai compreso qualcosa di fondamentale: è bene imparare a indirizzare le energie dove serve e dove c’è bisogno e per questo, ancora una volta, è fondamentale che tu possa avere a disposizione un sistema per testare e misurare le energie PRIMA di fare il lavoro.

Ecco un bell’esempio a riguardo: se tu andassi a emettere energia calda su una persona, verso un chakra che è già iper attivo, non le daresti alcun beneficio.

Anzi, rischieresti fortemente di portare un ulteriore squilibrio al suo sistema energetico.

È quindi importante che tu abbia testato prima di iniziare quali chakra necessitano di ricevere un lavoro energetico, e quali invece è meglio non stimolare.

Attenzione, non si tratta di qualcosa di assoluto o perenne, perché sai che le energie mutano, quindi ciò che scegli di fare oggi potrebbe essere benefico anche domani come non esserlo affatto.

Perché domani la situazione energetica potrebbe essere cambiata e, per capirlo, tu devi avere a disposizione uno strumento che ti permetta di testarlo.

In aggiunta, c’è il problema della risonanza energetica.

Quella della risonanza energetica è una delle leggi fondamentali dell’universo e se lavori abitualmente con le Energie Sottili immagino tu la conosca molto bene.

Infatti, quando emetti energia verso un’altra persona, entri direttamente in risonanza con lei e questo è rischioso perché potresti inviare direttamente all’altra persona le tue congestioni sottili o, viceversa, tu potresti ricevere le sue.

Detto questo, il mio consiglio è di usare l’emissione di energia diretta soltanto su te stesso, mentre sugli altri è opportuno usare tecniche energetiche più “sicure”.

In tutti questi casi, ciò che ti serve è avere a disposizione uno strumento che ti permetta di misurare le Energie Sottili e, di conseguenza, che ti permetta di valutare come agire energeticamente con la tua tecnica preferita.

Risveglia il Tuo Palming

In questo contesto il Palming è lo strumento principe, perché è la tecnica che ti permette di misurare le Energie Sottili impiegando le mani e di capire quale tecnica o misura energetica puoi mettere in atto per ottenere il riequilibrio che più desideri.

Il Palming è innato in ogni essere umano (te compreso) e se ciò che desideri è iniziare a risvegliarlo, ho preparato alcuni esercizi specifici e li ho raccolti in una comoda Guida Gratuita per iniziare a percepire e misurare le Energie Sottili.

Puoi consultare la raccolta online, in ogni momento e da ogni dispositivo, fisso o mobile. In più periodicamente aggiungo nuovi esercizi, per renderla più completa.

Puoi consultare la guida gratuita per imparare a percepire e misurare le Energie Sottili cliccando su questo ==> LINK o sull’immagine che vedi qui sotto.

esercizi energie

Piaciuto l'articolo?

Condividilo con i tuoi amici su Facebook!