Oggi tocchiamo un argomento molto sentito e una domanda che i miei corsisti mi fanno spesso: cosa sono i fiori di Bach e come vanno usati?

I fiori di Bach sono un rimedio omeopatico (ho parlato dell’omeopatia in questo articolo) e appartengono alle tecniche cosiddette ‘vibrazionali‘, perché impiegano le vibrazioni di alcuni, particolari, fiori per il benessere della persona.

Cosa Sono I Fiori Di Bach

Come suggerisce il nome stesso, i fiori di Bach sono frutto delle ricerche del medico inglese Edward Bach, il quale nei suoi studi partì da un concetto molto potente: ognuno di noi avrebbe secondo lui le potenzialità e la sensibilità per effettuare delle autodiagnosi e delle auto-pratiche e nella ricerca del benessere devono essere considerate la personalità e le emozioni di ciascuno di noi.

Questo perché personalità ed emozioni negative sarebbero ciò che da origine al malessere e, in parallelo, all’evidente sintomo fisico.

Lavorando sulla trasformazione dell’emozione negativa si andrebbero quindi a sviscerare i suoi tratti positivi e, di conseguenza, ad annullare i suoi sintomi fisici.

E questo processo, secondo Edward Bach può essere indotto grazie alla floriterapia, ovvero all’impiego di particolari estratti floreali che, se opportunamente trattati, rilascerebbero nella memoria dell’acqua la propria vibrazione.

Una volta assunti secondo specifiche indicazioni e in base alle problematiche che la persona presenta, i fiori di Bach lavorerebbero quindi a livello vibrazionale, coadiuvando, propriamente, il riequilibrio energetico ed emozionale.

Per completezza di informazioni ti ricordo che la scienza e la medicina ufficiali non riconoscono nulla di tutto ciò che ho appena riportato.

Ne parlo per puro scopo informativo e con l’intento di promuovere la tua ricerca dal punto di vista energetico e vibrazionale.

Fiori di Bach Elenco Dei Principali

Ecco di seguito un elenco dei principali Fiori di bach:

  • Agrimony
  • Aspen
  • Beech
  • Centaury
  • Cerato
  • Cherry Plum
  • Chestnut Bud
  • Chicory
  • Clematis
  • Crab Apple
  • Elm
  • Gentian
  • Gorse
  • Heather
  • Holly
  • Honeysuckle
  • Hornbeam
  • Impatiens
  • Larch
  • Mimulus
  • Mustard
  • Oak
  • Olive
  • Pine
  • Red Chestnut
  • Rescue Remedy
  • Rock Rose
  • Rock Water
  • Scleranthus
  • Star of Bethlehem
  • Sweet Chestnut
  • Vervain
  • Vine
  • Walnut
  • water Violet
  • Whire Chestnut
  • Wild Oat
  • Wild Rose
  • Willow

Se hai provato i fiori di Bach potresti aver tratto dei benefici oppure no dal loro impiego.

Ma soprattutto, come accade con i rimedi omeopatici in termini generali, potresti non avere compreso come e quanto stanno funzionando sul tuo corpo energetico.

In particolare, potresti non avere compreso a fondo quanto beneficio ti stanno portando, come stanno agendo nel complesso e quale è la risposta energetico-sottile che il tuo corpo sta mettendo in atto.

E questo è perfettamente normale, perché la stessa vibrazione di un particolare fiore non sempre può andare bene per tutti, non è universale e non può essere impiegata ‘a prescindere‘, solo sulla base delle indicazioni riportate sulla boccetta.

Questo perché, come ho più volte sottolineato, siamo esseri unici sottoposti a continue variazioni energetiche.

Se ad esempio stai assumendo del Willow con l’intenzione di ritrovare l’ottimismo e la fiducia nel futuro, la vibrazione del fiore potrebbe essere adatta a te e portarti dei risultati benefici, che riesci a comprendere.

O potrebbe non esserlo affatto, facendoti perdere tempo con soluzioni naturali che non ti servono, e che anzi, potrebbero complicare la tua situazione energetica o alla peggio portarla a manifestare dei risvolti negativi.

La domanda sorge quindi spontanea, ovvero come puoi capire quali sono i fiori di Bach più adatti al tuo caso?

Quelli che possono aiutarti a raggiungere i benefici che stai cercando?

Il modo migliore per farlo è sicuramente testare quali fiori vanno bene per te in uno specifico momento della tua vita.

Molto spesso le erboristerie o le parafarmacie ti propongono il famoso “test” dei fiori di Bach per indirizzarti verso la scelta giusta.

Si tratta di una sorta di questionario che si compone (solitamente) nella versione completa di 3 domande per ognuno dei 38 rimedi principali, il cui scopo è approfondire dove si trova il tuo disequilibrio energetico.

Una volta compilato, il questionario viene valutato dall’operatore esperto che deve quindi identificare quale è il fiore che che ti serve.

Esistono anche delle versioni semplificate del test, tuttavia il problema che si presenta è sempre lo stesso: ogni volta che hai finito la tua boccetta di rimedio devi rifare il questionario prima di acquistare la successiva oppure prima di preparartela a casa se sei in grado di farlo da solo.

In pratica, si tratta di una richiesta di tempo e di energie che devi mettere in conto ancor prima di iniziare ad assumere il tuo rimedio vibrazionale (in questo caso floreale).

Un altro approccio è quello di farti ‘testare’ da un operatore esperto che sia in grado di percepire le energie direttamente dalle boccette e quindi di trovare i rimedi che fanno al caso tuo.

Ad esempio conosco degli operatori che testano le boccette con il pendolino per trovare i rimedi adatti alla persona che hanno di fronte.

Anche questa opzione può essere considerata, ma a conti fatti sei sempre “nelle mani” di un’altra persona.

Infine c’è un modo più pratico e veloce per scegliere i fiori di Bachadatti a te‘.

Un metodo che ti permette di capire quelli che ti servono davvero in quel preciso momento della tua vita e che ti consente di testare la risposta energetica una volta che li hai assunti, per sapere se effettivamente stanno funzionando su di te.

Lo strumento che ti serve è il Palming, una tecnica di misurazione energetica che puoi effettuare semplicemente con le tue mani e che ti permette di capire al meglio come il tuo corpo sta reagendo, in termini energetici, alle soluzioni naturali che stai assumendo.

E c’è qualcosa di più che desidero tu sappia: grazie al palming puoi verificare se la tua boccetta di fiori di Bach è in quel momento congesta, uno stato che andrebbe ad inficiare fin dall’inizio l’assunzione del rimedio naturale che hai scelto.

Grazie al palming puoi infatti procedere a testarla ed eventualmente ripulirla energeticamente (con la tua tecnica preferita) e quindi iniziare la tua assunzione contando su una risposta più potente e positiva.

Scopri E Rivela Al Mondo Il Tuo Palming

Se ciò che desideri è approfondire il palming sai che si tratta della capacità di percepire le energie sottili che è innata in ognuno di noi.

È tua facoltà e possibilità risvegliarla e puoi iniziare a farlo grazie agli esercizi che ho raccolto in una specifica Guida Gratuita.

La puoi consultare online direttamente dal tuo smartphone, tablet e computer e non ti perderai nemmeno uno degli esercizi che aggiungo periodicamente per renderla più esaustiva.

Richiedi l’accesso gratuitamente da questo LINK o clicca sull’immagine qui sotto.

 

 

Piaciuto l'articolo?

Condividilo con i tuoi amici su Facebook!