Fluido, forza, energia, soffio vitale: la pranoterapia è la disciplina che trasferisce questi elementi da una persona all’altra, nello specifico dall’operatore che li possiede alla persona che si sottopone al trattamento.

Se anche tu pratichi la pranoterapia avrai sicuramente avuto modo di valutarne gli effetti benefici sulle persone ma, allo stesso tempo, potresti avere incontrato delle difficoltà lungo il tuo percorso di pratica e apprendimento.

Come ad esempio eseguire uno o più trattamenti e non riscontrare degli evidenti benefici.

O non avere raggiunto lo scopo che ti eri prefissato di centrare con il tuo trattamento energetico.

Non preoccuparti, può capitare, soprattutto se ti stai approcciando per le prime volte a questa tecnica.

In particolare, potresti far fatica a capire:

  • dove irradiare la tua energia;
  • come valutare se il lavoro energetico è finito o se devi proseguire;
  • se il cambiamento che hai ottenuto è stato significativo.

Mi soffermo su quest’ultima difficoltà, perché immagino ti sia capitato spesso di averla incontrata.

Comprendere se il trattamento di pranoterapia che hai appena fatto è stato efficace non è semplice

E restare con il dubbio del ‘perché‘ a volte un trattamento NON abbia dato i frutti che speravi è decisamente frustrante.

Perché le persone a cui pratichi la pranoterapia possono averti guardato come se non avessi fatto nulla per loro…

O non avere apprezzato la tua competenza, il tuo sforzo e il tuo lavoro…lasciandoti inerme e incapace di spiegare con chiarezza le tue ragioni.

No, se pratichi la pranoterapia con dedizione e impegno, se ti sei già formato profondamente o sei sulla strada per farlo, non devi permettere che i dubbi limitino il tuo percorso personale e professionale.

Non solo perché sarebbe un vero peccato per il tuo futuro e per le tue aspirazioni, ma perché puoi risolvere questa situazione disponendo dei giusti strumenti per farlo.

E infatti, la splendida notizia è che esiste uno strumento che può sciogliere tutti i tuoi dubbi limitanti e darti una risposta concreta, risolvendo i problemi che ti ho appena elencato.

Lo strumento si chiama palming ed è la capacità di usare le mani per misurare con precisione le energie sottili.

Risvegliare il tuo palming e utilizzarlo come strumento di analisi nei tuoi trattamenti di pranoterapia è la risposta ai problemi che abbiamo elencato.

E’ la forza che ti può rendere più abile, efficace e sicuro di te stesso quando pratichi la pranoterapia (e in molte altre situazioni).

Proprio così, perché ricorda che quando operi con le energie NON stai lavorando su un piano astratto, anzi, perché se segui il giusto procedimento puoi sempre riuscire a centrare il risultato che ti sei prefissato di raggiungere.

Per questo ti serve uno strumento preciso, che ti aiuti a misurare ogni singola fase del trattamento di pranoterapia per capire dove e quando intervenire, irradiare.

Immagina per un momento di essere un pasticcere.

Stai preparando una torta magnifica, che ti ha richiesto ingredienti pregiati e costosi e tanta conoscenza per prepararla, magari una torta a strati fatta con la polvere d’oro.

Devi creare più livelli della tua torta e tutti devono essere cotti a puntino.

Come puoi saperlo?

Non puoi saperlo, puoi solo immaginarlo grazie alle tue conoscenze, perché se fai un assaggio rovini la tua creazione.

Allora usi termometri, bastoncini di legno asciutti per verificare la cottura, tocchi la pasta per capirne la resa e il livello di cottura.

Allo stesso modo il palming è un insieme di strumenti di verifica, che nel campo della pranoterapia ti permette di:

  • testare dove c’è bisogno di irradiare energia;
  • verificare se dopo aver inviato energia, quella parte è ‘a posto’ o necessita ancora di ulteriore energia;
  • comprendere il risultato energetico finale che sei riuscito ad ottenere, con un prima/dopo misurabile.

Il tutto con uno strumento che è innato dentro di te, che possiedi dalla nascita e che puoi portare ovunque nel mondo: le tue mani.

Perché solo effettuando le verifiche opportune con il palming puoi capire gli effetti energetici della tua sessione di pranoterapia, non sprecare tempo prezioso, correggerti se necessario e celebrare la tua forza quando i risultati ottenuti ti hanno finalmente soddisfatto.

E migliorare questi risultati in modo straordinario, acquisendo competenze maggiori, una maggiore consapevolezza della tua opera e, di conseguenza, una maggiore stima e fiducia da parte delle persone che si sottopongono ai tuoi trattamenti di pranoterapia.

Ricorda inoltre che il palming è uno strumento meraviglioso perché si adatta perfettamente alla tecnica che stai utilizzando, qualunque essa sia, soprattutto se prevede l’utilizzo delle mani.

Se già pratichi la pranoterapia, sono certo che avrai sviluppato una certa sensibilità alle energie sottili e, di conseguenza, risvegliare il tuo palming sarà molto più semplice.

Inoltre, grazie alle informazioni aggiuntive che puoi ottenere misurando con il palming, i tuoi trattamenti miglioreranno non solo in efficacia, ma anche in precisione.

Risveglia Il Palming: È Innato Dentro Di Te

Ora è il momento di scoprire come puoi risvegliare il palming e comprendere come utilizzarlo per ottenere tutti questi straordinari risultati.

Per questo ti invito a provare gli esercizi di palming fondamentali che ho raccolto nella Guida Gratuita a te dedicata.

È una guida in continuo aggiornamento, perché vi aggiungo periodicamente dei nuovi esercizi per renderla più completa ed esaustiva, e tu puoi consultarla ovunque ti trovi  e in qualsiasi momento della giornata dai tuoi dispositivi fissi (computer) o mobili (tablet e smartphone)

Scoprila subito cliccando su questo LINK o sull’immagine di seguito.


esercizi energie

Piaciuto l'articolo?

Condividilo con i tuoi amici su Facebook!