Nel corso degli anni ho insegnato il palming, la tecnica che ti permette di misurare le energie sottili con le mani, a molti operatori olistici di varie tecniche diverse, tra cui diversi operatori shiatsu.

E ho capito che esiste una straordinaria affinità fra queste due tecniche così straordinarie.

Lo shiatsu è una disciplina di origine orientale, che lavora sui meridiani energetici con lo scopo di riequilibrare il ki, ovvero l’energia vitale che scorre nel corpo umano.

Il riequilibrio viene fatto attraverso la digitopressione, ovvero con una pressione (atsu) esercitata su specifici punti del corpo.

Lo shiatsu si pratica con le dita (shi), con le mani, con i gomiti e anche con le ginocchia, e unisce le capacità più ‘fisiche’ dell’operatore a quelle intuitive, perché è chiamato ad individuare lo stato e il modo in cui le energie fluiscono nel corpo, valutando le aree del corpo dove sono congeste o in eccesso.

Per questo la pressione viene esercitata nelle cosiddette zone jitsu (dove c’è un eccesso di energia) e kyo (dove l’energia è carente) affinché il flusso energetico venga ristabilito correttamente.

E trattandosi di una pratica olistica, lo shiatsu chiede all’operatore di essere sensibile nel comprendere non solo la situazione fisica, ma anche quella psicologica ed emozionale del paziente, unendo il tutto a livello energetico.

Si tratta quindi di una pratica completa, che stimo molto e che può essere notevolmente potenziata se viene affiancata ad una tecnica di misurazione energetica ancor più precisa e puntuale.

Lascia che ti spieghi perché.

Molti degli operatori con cui ho parlato mi hanno raccontato di avere una grande difficoltà nel migliorare la propria tecnica shiatsu.

Nello specifico di non riuscire a sviluppare la giusta sensibilità nelle mani per poter operare al meglio e ottenere ottimi risultati per sé stessi e per i loro pazienti.

Molti di loro si sentivano ‘bloccati‘, ovvero incapaci di capire come vincere questa stasi e, di conseguenza, di come operare al meglio.

Se sei un operatore shiatsu, all’inizio della tua professione o anche con esperienza di anni, potresti vivere o avere vissuto questa situazione.

E trovarla naturalmente limitante per la tua pratica e per il tuo lavoro.

Perché immagino tu voglia il meglio per te stesso e per i tuoi clienti e desideri raffinare la tua tecnica portandola a livelli sempre più alti ed efficaci.

Ti do quindi lo stesso consiglio che ha aiutato gli operatori shiatsu che hanno chiesto il mio parare.

Per portare la tua tecnica shiatsu a livelli superiori puoi apprendere, attivare e sviluppare il palming.

Il palming è la chiave.

Perché in questo caso sa aprire due porte, che ti permettono di migliorare la tua soddisfazione e la tua capacità professionale.

La prima porta è quella della sensibilità, ovvero il palming ti permette di percepire i livelli di energie sottili, di comprendere dove sono congesti e quindi di operare con precisione in uno specifico punto del corpo.

La seconda porta che il palming ha la forza di sbloccare è quella della misurazione.

E questo non interessa solo te che pratichi lo shiatsu, ma coinvolge qualunque tecnica di massaggio e trattamento, sia essa olistica o meno.

Il palming ti permette infatti di misurare con precisione gli effetti di ciò che stai facendo.

Infatti, quando sei in grado di testare, puoi verificare la situazione PRIMA del tuo trattamento, DURANTE e soprattutto DOPO, quando hai finito, per controllare che le congestioni energetiche si siano effettivamente sciolte. In caso contrario puoi riprendere il lavoro finché misurando non ti risulta essere completato.

Ed è proprio in questo che si cela la chiave del successe nei trattamenti di riequilibrio energetico, la verifica dei risultati dopo la seduta.

Il palming ti consente di correggere il tiro quando serve, insistendo su particolari zone rispetto che su altre, e di capire dove il flusso energetico corretto è stato ristabilito e dove no.

Va da sé che la conseguenza di tutto questo è lo sblocco dei tuoi dubbi, la possibilità di lavorare in modo molto più preciso ed efficace e una rinnovata fiducia nelle tue capacità che si sono raffinate e sono diventate naturalmente più potenti.

Migliora La Tua Tecnica Shiatsu Con Un Rapporto Reciproco E Benefico

Ora che hai compreso cosa il palming può fare per far salire di livello la tua tecnica shiatsu ricorda che il tutto parte dalle mani.

Proprio dalle mani, il tuo strumento di lavoro principale!

Perché se lavori unendo il palming allo shiatsu puoi contare su un rapporto benefico e reciproco tra le due tecniche, oltretutto impiegando lo stesso ‘strumento’! (come succede con la pranoterapia e molte altre discipline dove le mani sono protagoniste).

Potenziando la percezione delle energie sottili vai quindi ad attivare ulteriormente la tua capacità di lavorarci, e questo porta beneficio alla tua pratica shiatsu perché la rafforza notevolmente.

Immagina ora di poter operare sui tuoi clienti con una rinnovata abilità di percepire le energie sottili.

Di poter individuare le congestioni energetiche e di conseguenza i punti precisi dove è richiesto il tuo lavoro.

Hai già capito che la tua tecnica non solo può migliorare notevolmente, ma richiederti un minore dispendio energetico.

Perché adesso sai con precisione dove lavorare e dove è più importante che ti concentri per ottenere il massimo.

E di conseguenza ottenere risultati più efficaci, sicuramente in termini energetici, ma anche di felicità e soddisfazione tua e dei tuoi clienti.

Risveglia, Ora, Il Tuo Palming

Se ciò che desideri è portare la tua pratica shiatsu ad un livello superiore puoi iniziare a scoprire il palming nella guida introduttiva gratuita che ho preparato per te.

Ci trovi esercizi pratici che puoi imparare e svolgere fin da subito, in continuo aggiornamento perché ne aggiungo periodicamente di nuovi, per renderla più completa ed esaustiva.

Puoi consultarla comodamente dal tuo computer, tablet e smartphone, quindi se vuoi accadere alla Guida Gratuita per potenziare la Percezione delle Energie Sottili puoi farlo da questo LINK o cliccando sull’immagine che trovi qui di seguito.

Piaciuto l'articolo?

Condividilo con i tuoi amici su Facebook!