Mi capita spesso di trovare nel web dei portali che vendono amuleti e simili. In particolare oggi ti voglio parlare del ciondolo orgonite, che puoi facilmente reperire in rete e che mi ha portato a fare dei ragionamenti che voglio condividere con te.

Sì, perché devo essere sincero: testando gli amuleti e i ciondoli che ho trovato sul web non sono stato per niente colpito, anzi ho avuto riscontri decisamente negativi.

Mi riferisco al fatto che testandoli energeticamente con il metodo del Palming (ci arriviamo fra qualche riga) li ho trovati nella maggior parte dei casi congesti, in alcuni casi molto congesti.

E lo stesso mi è capitato con alcuni corsisti che, ai seminari mi hanno portato i ciondoli (che avevano acquistato in precedenza) da testare energeticamente,

Questo è successo con molte tipologie di amuleti acquistati in rete (e non solo) e molto spesso con il ciondolo orgonite: vediamo di cosa si tratta.

Ciondolo Orgonite: Facciamo Attenzione

Il ciondolo orgonite è un particolare tipo di amuleto, che prende il nome proprio dall’energia orgone.

In un articolo dedicato ho parlato delle energie sottili, e se lo hai letto sai che “orgone” è in pratica un sinonimo di Energia Sottile.

Quindi la prima questione da chiarire è che “ciondolo orgonite” non significa nulla, è come dire “ciondolo energia sottile”.

Il fatto è che qualunque oggetto dell’universo è formato anche di energia sottile, mica solo alcuni ciondoli!

Certo, in alcuni portali puoi trovare riferimento al ciondolo orgonite frutto degli studi di Wilhelm Reich.

Wilhelm Reich era un allievo di Freud, tuttavia oltre alla psicanalisi Reich studiò profondamente l’Energia Sottile (che lui chiamava “orgone”), arrivando a congegnare degli strumenti utili per accumulare le Energie Sottili (il suo famoso “accumulatore orgonico”).

Oggi il termine orgone è un po’ “abusato”, nel senso che ho notato che a volte si mette la parola “orgone” a caso a fianco di qualcosa, per spacciarla come “buona”, senza un minimo di comprensione dei meccanismi che regolano questo sistema.

E’ il caso (a volte) del “ciondolo orgonite” può essere acquistato in moltissimi modelli diversi, con una mistura di metalli e minerali e in rete ce ne sono moltissimi, anche in forme stravaganti, a dir poco esoteriche.

Ma questo è davvero un altro discorso, perché ciò che a me interessa è il significato del ciondolo orgonite.

Innanzitutto bisogna necessariamente essere un po’ più precisi nelle definizioni e andare a capire cosa si intende con questa parola, per non cadere in trappole fuorvianti o, peggio ancora, per arrivare ad indossare o mettere in casa degli oggetti o degli accessori che potrebbero nuocere dal punto vista energetico sottile.

Tutto parte dal fatto che chi cerca in rete questi amuleti desidera indossare qualcosa che “trasmetta”, “emani”, trasferisca alla persona stessa orgone, cioè energia sottile.

Per esperienza so che chi è alla ricerca di questo tipo di dispositivi è attratto dall’idea di avere con sé un dispositivo per essere ricaricato di energia sottile durante il giorno (o la notte).

Questo succede perché magari ci si sente energeticamente scarichi o in disequilibrio e quindi indossare un amuleto che emana energia sottile viene inteso come una soluzione valida.

E qui nasce il problema, perché una volta atterrati nelle pagine che vendono questi amuleti, come il ciondolo orgonite, ci si fida di ciò che è scritto nella descrizione di questi oggetti.

Descrizioni che sono spesso scritte su misura da persone che magari nemmeno sanno cosa sono le energie sottili ma sfruttano il potere persuasivo delle parole con il solo scopo di vendere.

Il punto è sempre lo stesso: possono scrivere qualunque cosa, promettere qualunque fantastico beneficio, tanto finché (quasi) nessuno è in grado di verificare, la passano sempre liscia.

Solo chi è in grado di testare, può rendersi conto se uno strumento è almeno pulito energeticamente oppure congesto. Ed è il motivo per cui insisto particolarmente sul fatto che tutti, te compreso, dovrebbero apprendere un sistema di misurazione delle energie sottili ed essere quindi in grado di testarle.

Cercherò di fare un po’ di chiarezza.

1. Il primo problema che devi affrontare se compri un dispositivo a energia sottile, è chiederti se è energeticamente “pulito” e non congesto, e soprattutto se è in grado di autopulirsi o meno.

Infatti se così non fosse, ti ritroverai ben presto (ad esempio) un ciondolo al collo pieno di congestioni, e ti garantisco che non è una cosa benefica per il tuo corpo energetico, anzi!

Ti segnalo anche che ho notato che tutti coloro che vendono questi ornamenti o dispositivi orgonici scrivono in grande che si autopuliscono e trasmutano le congestioni.

Per esperienza posso dirti con certezza che questo non è vero: nella maggior parte dei casi i dispositivi che promettono questo sono in realtà congesti, e per verificarlo ti basta testarli, dal vivo o anche in foto, e sentirai subito la congestione. Ci vogliono 10 secondi.

2. Il secondo problema è questo: quand’anche tu riesca a trovare un dispositivo pulito, ti sei chiesto che tipo di energia emette? Perché mica tutte le energie sono uguali!

Per stare sul semplice, una distinzione fondamentale è tra energie celesti ed energie telluriche: entrambe sono energie sottili, ovvero orgone, ma di 2 tipi ben diversi come ti ho spiegato in questo articolo.

Il succo del discorso è questo: non è che se un ciondolo emette “energia” allora va bene a prescindere.

Ad esempio, se tu in questo periodo hai uno squilibrio energetico, del tipo che il tuo canale celeste è scarico e indossi un ciondolo o un dispositivo che emette energia tellurica, vai a peggiorare il tuo squilibrio energetico, invece che trarne beneficio.

E come questo si possono fare altri innumerevoli esempi.

Potrei proseguire a lungo, ma spero di aver reso l’idea.

Qual è la soluzione allora?

Potrei semplicemente dirti che “prevenire è meglio che curare” (per citare un vecchio spot anni 80), quindi consigliarti di evitare di acquistare a scatola chiusa oggetti, dispositivi, ciondoli e quant’altro di tipo ‘energetico-orgonico’.

Perché nella migliore delle ipotesi puoi trovarti solo un oggetto congesto, ma se sei sfortunato rischi di incorrere in guai peggiori di cui non voglio parlare in questa sede.

La soluzione è molto semplice, come sempre: se vuoi raggiungere la tua autonomia nel mondo energetico, devi risvegliare la tua capacità di testare, misurare le energie in modo da non dover più dipendere dagli altri e fidarti di informazioni che non hai potuto verificare di persona.

Il mio metodo preferito per farlo è il Palming Energetico, la capacità di testare le energie sottili con l’uso delle mani.

Risveglia il Tuo Palming e Diventa Autonomo

Il Palming è qualcosa che anche tu possiedi, proprio così, perché appartiene naturalmente a tutti gli esseri umani, te compreso, e che puoi risvegliare e imparare a padroneggiare con il tempo e la costanza.

Grazie a questa tecnica di misurazione delle energie sottili non solo puoi misurare gli effetti dei dispositivi energetici o orgonici quando ce li hai lì, a portata di mano, ma farlo anche a distanza, magari mentre stai navigando in rete e la tua attenzione è catturata da un ciondolo orgonite scintillante, che ti attrae dallo schermo e ti conquista con le parole con cui è descritto.

Grazie al Palming puoi capire se il ciondolo è congesto, così come molti altri oggetti che puoi trovare in vendita in rete e non.

E in questo modo comprendere quali sono gli elementi che possono davvero aiutarti nel riequilibrio energetico e quali, invece, sono da lasciar perdere, perché inutili se non addirittura dannosi per il tuo benessere sottile.

Ora che hai compreso alcune delle funzioni del Palming puoi iniziare anche tu ad apprenderlo, grazie alla Guida Gratuita che raccoglie i migliori esercizi di preparazione alla percezione delle energie sottili.

La Guida è semplice da consultare, la puoi leggere sul tuo desktop, tablet o smartphone, come preferisci da questo LINK o cliccando sull’immagine che trovi qui sotto.

esercizi energie

Piaciuto l'articolo?

Condividilo con i tuoi amici su Facebook!