L’energia Kundalini è un particolare tipo di Energia Sottile, la possiamo definire ‘energia spirituale‘.

La derivazione è sanscrita e l’energia Kundalini si trova tradizionalmente nei testi tantrici per indicare l’energia divina che è presente, in stato di riposo e inattività, in ogni essere umano.

La tradizione ci racconta che questa particolare energia si trova in forma arrotolata e sopita alla base della colonna vertebrale e, quando e se risvegliata, può far nascere dei processi energetici molto potenti.

Del resto, la tradizione vuole che l’energia Kundalini sia fortemente legata all’energia sessuale, una delle più potenti e anche una delle più creative, che quando è attiva riserva dei benefici non solo fisici, ma anche legati a vivaci e freschissimi processi mentali.

Cos’è L’Energia Kundalini

C’è però un problema che ‘circola‘ attorno alla straordinaria energia Kundalini.

Un problema di mal comprensione.

Mi è infatti capitato di leggere su alcuni libri e siti web (anche specializzati) che Kundalini è un sinonimo di energia sottile, come Ki, Chi, Prana.

Non è così.

Come già spiegato in un mio articolo su questo blog a cui ti rimando, l’energia sottile fa parte di noi, forma e permea tutta la nostra realtà ed è guidata dai nostri pensieri.

La Kundalini è un particolare tipo di Energia Sottile, ma NON è un sinonimo: perché non tutta l’energia sottile è Kundalini.

Un altro fattore da considerare è questo: si dice che questa energia sia sopita alla base della nostra colonna vertebrale, ma che possa essere risvegliata attraverso specifiche pratiche energetiche.

Una volta risvegliata, la Kundalini risale la colonna vertebrale passando attraverso i chakra e, per ogni centro che incontra nel suo cammino di risalita, risveglierebbe un potere sopito nella persona coinvolta.

Le specifiche pratiche energetiche per risvegliare la Kundalini possono essere, ad esempio, la famosa meditazione proposta da Osho, ma anche degli esercizi specifici di Tantra oppure delle pratiche di Yoga indirizzate proprio al risveglio dell’energia Kundalini (rare da incontrare di buona qualità, ma ci sono).

Ora, tutte queste pratiche possono essere provate, ma considera che con una tecnica energetica avanzata è possibile attivare direttamente l’energia Kundalini e osservarne gli effetti.

Come saprai se segui il mio blog, il mio approccio è molto razionale ed empirico, così un giorno ho deciso di fare un esperimento per capire meglio questo tipo di energia.

Come Ho Testato Questa Energia

Per capire meglio l’energia Kundalini l’ho testata e ho provato ad attivarla brevemente per capirne il comportamento.

I primi risultati che ho ottenuto sono questi: posso confermare che la Kundalini esiste, l’ho potuta toccare con mano e la sua attivazione provoca senza dubbio un aumento del campo energetico della persona in orizzontale.

Dalle mie verifiche questa energia ha, in effetti, un potenziale enorme quando viene attivata, perché ho riscontrato che anche con una attivazione breve il risultato è stato consistente in termini energetici.

Al momento non ho però riscontrato altri effetti, come ad esempio quelli sui chakra, ma mi riservo di approfondire la questione con esperimenti più specifici, che non mancherò di riportare qui sul blog.

Se ti stai chiedendo come abbia fatto le mie misurazione su questa straordinaria energia sai che il mio strumento preferito è il Palming Energetico.

Il Palming è uno strumento di misurazione delle Energie Sottili che definisco la ‘Porta Principale per il campo informazionale dell’Universo’.

Grazie al Palming puoi iniziare a percepire le Energie Sottili con il solo uso delle mani, uno strumento che puoi utilizzare in ogni occasione, luogo e ora.

Questo è solo uno dei punti di forza del Palming.

Il secondo è che si tratta di una tecnica abbastanza semplice da imparare e che, come tutte le cose, può essere migliorata, raffinata e resa più incisiva con il tempo e con la pratica.

Ti dico abbastanza semplice perché se compariamo l’apprendimento del Palming con quello, ad esempio, della chiaroveggenza, il Palming ti chiede meno tempo, per iniziare e anche per progredire.

Altre tecniche invece come ad esempio la bacchetta a L o il pendolo, sono meno precisi in quanto è più facile influenzare lo strumento con la nostra mente.

Ecco, ora che hai scoperto, se già non lo sapevi, cos’è il Palming, sai che puoi utilizzarlo in ogni tuo lavoro energetico come io l’ho utilizzato nelle mie prove con l’energia Kundalini.

Il Palming ti permette, infatti, di effettuare delle misurazioni delle Energie Sottili, compresa la Kundalini.

Se ad esempio stai seguendo una sessione di yoga pensata per risvegliare questa energia, solitamente composta da asana specifiche, respirazioni mirate e molte meditazioni, puoi comprendere se la pratica sta effettivamente agendo a tuo favore nel risveglio della Kundalini.

Ad esempio puoi misurare il tuo livello energetico prima di iniziare la pratica.

Misurarlo durante la pratica.

E naturalmente ripetere l’operazione una volta conclusa.

In questo modo potrai capire se lo yoga per il risveglio dell’energia Kundalini ha avuto effetto su di te e misurarne l’efficacia.

Non solo, puoi anche misurare la persona che ti sta proponendo queste sessioni di yoga e di conseguenza comprendere il suo livello energetico.

Ti dico di più: puoi farlo anche a distanza.

Metti caso che ti stai informando su un corso di meditazione per risvegliare l’energia Kundalini o di una serata di yoga dedicata a questo obiettivo.

Stai leggendo in rete delle informazioni oppure sfogliando una brochure che le reclamizza.

Grazie al Palming puoi capire il livello energetico di questa comunicazione e farti già un’idea se può essere per te interessante o meno.

E questo ti permette non solo di risparmiare tempo, ma di comprendere se la scelta che stai facendo è positiva per te, niente male vero?

Ora, se ciò che desideri è risvegliare il Tuo Palming, ho preparato una serie di esercizi che trovi nella Raccolta Gratuita per imparare a percepire le Energie Sottili.

Si tratta di una guida semplice da consultare online (via telefono, tablet e computer) che periodicamente aggiorno con nuovi esercizi per renderla più completa.

Puoi consultare la Raccolta Gratuita per sviluppare la Percezione delle Energie Sottili cliccando su questo ==> LINK o sull’immagine che trovi qui sotto.


esercizi energie

Piaciuto l'articolo?

Condividilo con i tuoi amici su Facebook!